La Divina Volontà è l’essenza di Dio, è la Sorgente di tutti i suoi Attributi, del suo Amore, della sua Vita e delle sue opere

Figlio di DioChi siamo noi?

“Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente!  La ragione per cui il mondo non ci conosce è perché non ha conosciuto Lui. Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando Egli si sarà manifestato, noi saremo simili a Lui, perché Lo vedremo così come Egli è”.

(1 Gv 3,1-3)

Che cosa annuncia Giovanni dicendo questo?

Che ancora doveva essere rivelata la Divina Volontà in quanto vita interiore di Gesù, cioè, il “vivere nella Divina Volontà”, affinché sia la nostra vita, seguendo l’esempio e la dottrina spirituale della Serva di Dio Luisa Piccarreta, mediante la quale nel nostro tempo ha voluto manifestarla.

Che cosa è “vivere nella Divina Volontà”?

È avere come vita propria la stessa Volontà di Dio, come si conosce mediante gli Scritti di Luisa Piccarreta. Questa fu la vita vissuta da Gesù Nostro Signore e da Maria, la sua e nostra Madre.

Chi è Luisa Piccarreta?

Luisa PiccarretaLa Serva di Dio Luisa Piccarreta, “la Piccola Figlia della Divina Volontà”, è la creatura che Gesù ha scelto per dare inizio in lei al compimento del suo ideale, del suo Decreto eterno, e perché sia conosciuto nella Chiesa e nel mondo intero: che il suo Divin Volere sia in noi quello che è in Dio, la sua Vita, la sua Felicità, la Sorgente di tutte le sue opere.

Luisa nacque a Corato (Bari, Italia) il 23 Aprile 1865; lì è sempre vissuta e lì è morta il 4 Marzo 1947. Ancora la gente la ricorda come “Luisa la Santa”. La sua Causa di beatificazione fu aperta nel 1994. Sono stati molti i testimoni di lei (tra questi, sono molti i sacerdoti e anche vescovi, un cardinale e persino un santo canonizzato, Sant’Annibale Maria Di Francia, che la frequentò durante 17 anni).

Qual è in poche parole il messaggio di Luisa?

Luisa può dire le parole di Gesù: «La mia dottrina non è mia, ma di Colui che mi ha mandato. Chi vuol fare la Sua volontà, conoscerà se questa dottrina viene da Dio, o se Io parlo da me stesso» (Gv 7,16-17). E anche queste altre, che Gesù disse alla samaritana: «Se tu conoscessi il Dono di Dio e chi è Colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu stessa gliene avresti chiesto ed Egli ti avrebbe dato acqua viva». (Gv 4,10).

volto di GesùE qual è il Dono di Dio? Non è un dono qualunque, una virtù, un carisma, non è nemmeno una cosa spirituale, ma è la sua stessa Volontà Divina onnipotente, eterna, santissima. Osservare i Comandamenti, fare ciò che Dio vuole, accettare con pace ciò che Dio permette o dispone, tutto questo è necessario per salvarci, ma è troppo poco per il suo Amore.

Un canto popolare dice: “Dio si è fatto come noi – per farci come Lui”. Dio vuole che diventiamo come Lui, a Sua somiglianza. Dio vuole che viviamo con Lui in perfetta comunione di vita, che possiamo dire le stesse parole di Gesù al Padre: «Tutto ciò che è tuo è mio e tutto ciò che è mio è tuo» (Gv 17,10).

Dio vuole che amiamo, che Lo amiamo col suo stesso Amore, affinché non sia ingiusto il nostro ricambio di amore. Per questo, sapendo Dio che il nostro “cuore” (la nostra volontà) da solo non è capace di amare in modo divino, degno di Dio, adesso ci offre il dono del suo stesso “Cuore”, della sua adorabile Volontà, il “Cuore” delle Tre Divine Persone, affinché viviamo con Dio la sua vita, prendiamo parte alle sue opere, amiamo come le Divine Persone amano.

 

Adesso il Signore ti sta dicendo:

Figlio di Dio

 

Adesso il Signore ti sta dicendo:

Cuore Divino

 

Adesso il Signore ti sta dicendo:

il Dono dellla Divina Volontà

 

continua a leggere